giovedì 28 febbraio 2013

Crespelle ai carciofi

Dopo quattro giorni di vacanza dai nonni, immersi nella neve, siamo rientrati a casa. Come sempre quando vado dalla mamma non torno mai a mani vuote: ogni volta è un trasloco di vivande! Questa volta nel cestino delle meraviglie c'erano dei carciofi, una verdura molto gustosa che non cucino spesso, ma che d'ora in poi entrerà a far parte delle nostre abitudini culinarie: ho scoperto che il nostro piccolo Alessio ne è davvero ghiotto! 


INGREDIENTI per 2-3 persone:

Per le crespelle
- 250 gr latte
- 20 gr. burro morbido
- 1 uovo
- 70 gr. farina
- 1 pizzico di sale

Per il ripieno
- 3 carciofi bolliti
- 2 spicchi d'aglio
- prezzemolo tritato q.b.
- vino rosso q.b.
- un filo d'olio evo
- sale q.b.

Per la besciamella
- 250 gr latte
- 20 gr. farina
- 15 gr. burro
- noce moscata q.b.
- 1 foglia alloro
- 1 pizzico sale

- 80 gr. formaggio grattugiato

Ho iniziato dalla preparazione delle crespelle: ho inserito tutti gli ingredienti nel Bimby ed ho frullato 30 sec. vel. 4, ed ho messo il tutto a riposare in frigo per un quarto d'ora. Per chi non ha il Bimby l'impasto si può preparare tranquillamente a mano, mescolando velocemente con una frusta per evitare la formazione di grumi. Ho tolto le foglie esterne dei carciofi, li ho tagliati longitudinalmente ed ho eliminato la barbetta. Li ho poi tagliati a pezzettini (compreso il gambo che in questo periodo è ancora molto tenero), e li ho messi a soffriggere con un filo d'olio e l'aglio per un paio di minuti: una volta asciutti ho sfumato con un goccio di vino ed ho lasciato evaporare. Ho terminato aggiungendo un pizzico di sale ed il prezzemolo tritato. Anche per la besciamella ho utilizzato Bimby: ho inserito tutti gli ingredienti e cotto per 12 min.  a 100°C vel. 3 ( per chi non ce l'ha si porta il tutto ad ebollizione in una padella a fuoco medio, fino al raggiungimento della consistenza desiderata e mescolando con una frusta per evitare i soliti grumi). Ho poi iniziato la cottura delle crespelle: in una padella antiaderente già calda ho versato parte dell'impasto creando, uno alla volta, 7 dischetti di diametro circa 15 cm. Ed ecco la parte che preferisco, la composizione degli strati! Ho farcito ogni dischetto con un paio di cucchiai di carciofi, un paio di cucchiai di besciamella ed un cucchiaio di formaggio grattugiato, e li ho poi arrotolati e posizionati uno vicino all'altro in una pirofila imburrata. Ho ricoperto il tutto con uno strato di besciamella ed ho completato con il formaggio grattugiato rimanente. Ho infornato a 180° per una ventina di minuti, fino a quando il formaggio non si è completamente gratinato. La preparazione è un po'laboriosa, ma non certo complicata: è un piatto alla portata di tutti, e di sicuro gradimento! 

martedì 19 febbraio 2013

Ribollita

Ecco i miei ingredienti segreti per preparare una buonissima ribollita: la stagione fredda, il focolare accesso ed una buona dose di tempo e pazienza: più la cottura è lenta, più il risultato sarà all'altezza delle nostre aspettative! Non so se è proprio l'originale ribollita, questa ricetta è una rielaborazione della "Zuppa toscana di magro alla contadina" di Pellegrino Artusi, che così la definisce nel suo libro: "Questa zuppa che, per modestia, si fa dare l'epiteto di contadina, sono persuaso che sarà gradita da tutti, anche dai signori, se fatta con la dovuta attenzione".



INGREDIENTI ( per 6 persone ):
- 6 fette di pane raffermo
- 150 gr. di legumi secchi misti ( messi in ammollo la sera precedente )
- 150 gr. olio
- 2 lt. acqua
- 6 foglie di cavolo nero
- 1/2 cavolo cappuccio ( o 1/2 verza )
- 2 patate
- 1 crosta di formaggio grana ( o 1 cotenna di pancetta )
- 1 cipolla
- 2 spicchi d'aglio
- 2 gambi di sedano
- 1 ciuffo di prezzemolo
- 250 gr. di passata di pomodoro
- dado vegetale q.b.

In una padella dai bordi alti ho messo a bollire nell'acqua leggermente salata i legumi insieme alla crosta del formaggio fino a cottura ( circa 30 minuti ). Nel frattempo ho preparato un soffritto con l'olio (ho seguito la ricetta originale ma la prossima volta proverò ad usarne di meno), l'aglio, la cipolla, il sedano ed il prezzemolo,e l'ho lasciato imbiondire lentamente: una volta dorato ho aggiunto le verdure tagliate grossolanamente. Ho aggiustato il sapore con il dado vegetale, ho aggiunto la passata di pomodoro ed ho lasciato cuocere per circa 1 ora e mezzo, aggiungendo di tanto in tanto un mestolo di acqua di cottura dei fagioli per evitare che si asciugasse troppo. Una volta cotti i fagioli metà li ho frullati e metà li ho aggiunti interi alla zuppa, lasciando cuocere il tutto ancora per una mezzora. Ho messo una fetta di pane raffermo in ogni terrina, vi ho versato sopra la zuppa ed ho servito ancora ben calda. Davvero buonissima, ed ancora di più riscaldata la sera dopo! Buona cucina a tutti

venerdì 15 febbraio 2013

Tortillas con lievito madre

Ne avevamo fatto una bella scorpacciata in Messico, durante il viaggio di nozze (e ci erano piaciute davvero tanto!), ma finora non mi ero mai azzardata a prepararle, già sicura che il risultato sarebbe stato deludente. Ma in questo periodo di intensa sperimentazione con il lievito madre sono in cerca di spunti nuovi, ed ho deciso di provare! Navigando ho scoperto un'infinita varietà di ricette, ma nessuna con il lievito madre, e come sempre ho preso spunto per poi elaborarne una mia personale versione.

INGREDIENTI ( per 6 tortillas)

Per le tortillas
- 75 gr. lievito madre solido ( non appena rinfrescato )
- 130 gr. farina 00
- 20 gr. farina di mais
- 70 gr. acqua
- 1 filo di olio evo
- 1 pizzico di sale

Per il ripieno
- 4 pezzi di pollo disossato ( circa 200 gr.)
- 1/2 cespo insalata verde
- 1 lattina piccola di mais

Per la salsa ( rielaborazione della ricetta di La cucina di lalla )
- 1/2 peperone rosso
- 1/2 peperone giallo
- 1/2 cipolla
- 3 cucchiai di passata di pomodoro
- 3 cucchiai olio evo
- peperoncino in polvere

Ho iniziato preparando la salsa. Ho lavato e pelato i peperoni e li ho tagliati a piccoli quadretti; ho sbucciato la cipolla e l'ho tagliata allo stesso modo (più piccoli sono i pezzi più omogenea risulterà la salsa). Ho passato la metà dei peperoni e della cipolla così tagliati nel frullatore, creando una crema non troppo liscia. Ho versato la crema in una padella antiaderente, ed ho aggiunto la parte di peperoni e cipolla non frullati, il pomodoro, l'olio ed il peperoncino. Ho portato a bollore mescolando e poi ho spento, trasferito in una terrina e lasciato raffreddare. Ho pelato e tagliato a quadrotti più grandi i due mezzi peperoni avanzati, e li ho fatti cuocere a fuoco lento per circa 15 minuti in una padella antiaderente con uno spicchio d'aglio, un filo d'olio evo, un rametto di rosmarino ed un pizzico di sale. Per quanto riguarda il pollo ho utilizzato dei cosciotti disossati e già aromatizzati che ho semplicemente messo in padella fino a completa cottura. In alternativa si può utilizzare del petto di pollo tagliato a striscioline: lo si griglia per bene in una padella antiaderente unendolo a fine cottura ai quadrotti di peperoni. Sono poi passata all'impasto: in un piatto ho unito tutti gli ingredienti ed ho iniziato a lavorare prima con una forchetta e successivamente a mano, fino a creare una palla omogenea e compatta. Ho lasciato riposare per una ventina di minuti e poi ho formato 6 piccole palline, che ho steso con il mattarello formando dei dischetti di 15 cm di diametro circa. Ho scaldato bene una padella antiaderente ed ho cotto ad una ad una le tortillas, a fuoco basso due minuti per parte e girandole una sola volta. L'ideale sarebbe cuocerle e servirle, se però volete prepararle prima mettetele in un piatto una sopra l'altra coperte da un canovaccio umido, per evitare che si secchino. Ho condito l'insalata a striscioline e, a parte, il mais. Una volta a tavola arriva il momento più bello: la farcitura della tortilla, dove ognuno inserisce gli ingredienti che preferisce: noi ovviamente li abbiamo messi tutti, e per non farci mancare niente abbiamo aggiunto anche una girata di maionese! Se non avete tutti gli ingredienti a disposizione per la farcitura potete sbizzarrirvi con la fantasia: è un piatto versatile e può essere una buona soluzione anche per smaltire anche qualche avanzo del frigo...Buona cucina a tutti!




lunedì 11 febbraio 2013

Sunshine Award

Mi ero ripromessa di pubblicare soltanto ricette, ma non potevo non condividere questa notizia tanto bella quanto inattesa: ho ricevuto il mio primo premio per il blog! L'ho scoperto per caso ed è stata davvero una grande soddisfazione, arriva da Francesco de La cucina degli angeli. Per accettare il premio vanno seguite le seguenti regole ( non sono amante delle catene, ma questa volta faccio un'eccezione):

  1. includere il logo del premio in un post o nel blog
  2. Rispondere a 10 domande su se stesso
  3. nominare 10-12 blog favolosi ( non navigo molto ne ho selezionati solo 6...)
  4. far sapere ai tuoi contatti che li hai nominati
  5. citare la/le persone che ti hanno nominato
Le domande:
  • Colore preferito: AZZURRO
  • Animale preferito: CANE
  • Numero preferito: 4
  • Drink preferito non alcolico: GINGER
  • Preferisci FB o Twitter: FB
  • La tua passione: musica, cucina, fotografia
  • Preferisci ricevere o fare regali: sicuramente farli
  • Modello preferito: ?
  • Giorno preferito della settimana: sabato
  • Fiore preferito: orchidea
Ecco i blog che secondo me meritano questo premio:

Ora non mi rimane che avvisare i nuovi vincitori e godermi il primo riconoscimento!
Buona cucina a tutti

domenica 10 febbraio 2013

Frittelle di mele in pastella di lievito madre

Dopo aver scoperto che con il lievito madre si ottiene una pastella con i fiocchi, ho deciso di sperimentarne un'altra versione per cucinare queste gustose frittelle, che preparo durante il periodo di carnevale al posto dei più tradizionali gròstoi, di cui non sono particolarmente golosa.



INGREDIENTI per 10 frittelle

- 2 mele di media grandezza
- 1 bicchierino di rumtopf
- 3 cucchiai di zucchero di canna
Per la pastella:
- 75 gr. lievito madre non rinfrescato
- 70 gr. farina
- 100 gr. latte
- 1 uovo
- 2 cucchiaini di zucchero di canna
- 1 pizzico di sale
Per friggere:
- olio di semi di arachidi

Dopo aver sbucciato e tolto il torsolo alle mele le ho tagliate a rondelle di spessore 7-8 mm. Le ho messe in una teglia coperta da carta forno e, dopo averle cosparse di zucchero da entrambi i lati, le ho bagnate leggermente con il rumtopf. La ricetta tradizionale trentina prevede l'utilizzo della grappa, ma avendolo a disposizione ho optato per questo liquore che conferisce un gusto decisamente più fruttato; le frittelle per il nostro piccolo Alessio le ho ovviamente preparate senza l'aggiunta dell'alcool! Mentre le mele stavano macerando ho preparato la pastella: ho sciolto dapprima il lievito madre con il latte, e successivamente ho aggiunto gli altri ingredienti mescolando energicamente con una frusta per evitare la formazione di grumi. Ho scaldato l'olio in un pentolino, e, ad una ad una, ho intinto le mele nella pastella e le ho fritte fino a doratura. Le ho poi appoggiate su carta assorbente per asciugarle dall'olio in eccesso, le ho spolverate con zucchero a velo e le ho servite ancora calde. Davvero gustose ed inaspettatamente più leggere del previsto: assolutamente da provare! Buona cucina a tutti

domenica 3 febbraio 2013

Frittura di gamberoni e verdure in pastella di lievito madre

Dopo aver sperimentato, con risultati modesti, vari tipi di pastella, credo di aver finalmente trovato la ricetta giusta. In questo periodo mi sto sbizzarrendo con l'utilizzo del lievito madre, e la pastella che ho utilizzato ha come base proprio questo magico ingrediente che ha la capacità di rendere tutto più buono. In tutte le ricette che ho trovato navigando si citava l'utilizzo degli avanzi di lievito come base per la pastella dei fritti, ma senza specificare le dosi, e così ho deciso di provare a creare il giusto mix tra gli ingredienti per raggiungere un'adeguata consistenza ed una corretta quantità.


INGREDIENTI per 2 persone:
- 300 gr. di gamberoni
- 1/2 cipolla 
- 1 zucchina
- 200 gr. di lievito madre rinfrescato
- 170 gr. acqua 
- 6 cucchiai colmi di farina bianca
- olio di arachidi 300 ml circa
- sale q.b.

In una ciotola ho sciolto il lievito madre nell'acqua ed ho aggiunto la farina mescolando con una frusta, fino ad ottenere un composto cremoso, e l'ho messo a riposare in frigo per un paio d'ore. Dopo aver tolto la testa ai gamberoni, li ho scottati in acqua bollente salata con una foglia di alloro per circa 10 minuti, li ho scolati e messi a raffreddare. Nel frattempo ho tagliato la cipolla a rondelle di spessore circa 3 mm e le ho messe a bagno in acqua per una mezz'oretta. Ho tagliato la zucchina nel senso della lunghezza a fette dello stesso spessore, le ho tagliate a metà e poi le ho passate nella farina. Ho tolto il guscio ai gamberoni, ho inciso la schiena per eliminare l'intestino e li ho risciacquati sotto l'acqua corrente. Li ho poi conditi con sale, pepe ed un filo d'olio evo e tagliati a metà per fare dei bocconcini un po' più piccoli. Dopo 10 minuti li ho uniti alla pastella mescolando bene il tutto. Ho messo a bollire l'olio in una pentola dai bordi alti, e mentre raggiungeva la temperatura ho scolato le cipolle, e le ho poi passate nella farina. Aiutandomi con un cucchiaio ho scolato i gamberoni dalla pastella , li ho fritti un po' per volta e li ho messi ad asciugare su carta assorbente. Stesso procedimento per le verdure infarinate, ma anziché versarle tutte nella ciotola della pastella ho immerso i pezzi ad uno ad uno per evitare che con la farina si incollassero tra loro. Ho salato leggermente ed ho servito accompagnando con una bella insalata mista rinfrescante. Con queste dosi otteniamo un abbondante piatto unico per 2 persone o un buon secondo piatto per 4. Questa ricetta è una rielaborazione di due ricette che ho trovato sul blog Così cucino io ( spiedini di gamberi pastellati e fritto vegetariano versione lievito madre ), che vi invito a visitare. La prossima volta mi cimenterò con la frittura mista di pesce, se viene come questa mi accontento..Buona cucina  tutti!

Printfriendly

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...