martedì 28 giugno 2016

Sciroppo di sambuco

Dieci giorni fa sembrava autunno inoltrato, temperature ben al di sotto della media e pioggia a non finire: poi è arrivato il solstizio, e d'improvviso è esplosa l'estate! Il nostro giardino, che prima era solo ricco di colori, si è riempito anche di profumi, primo fra tutti quello del sambuco. Sentire quel profumo inconfondibile mi ha riportato ai ricordi d'infanzia, ai lunghi ed assolati pomeriggi di vacanza trascorsi a casa della mia nonna, che mi offriva sempre l'acqua con lo sciroppo fatto con i fiori di sambuco. Da parecchi anni la nonna non lo prepara più, ma la tradizione la porta avanti mia mamma, che puntualmente ogni anno al momento della fioritura ne prepara una bella scorta, ed è un piacere condividere con voi questa semplice ricetta, con l'augurio che l'estate vi regali tanti bei momenti da ricordare!



Ingredienti per 2 lt di sciroppo
- 13 fiori di sambuco
- 1 kg di zucchero semolato
- 3 limoni non trattati
- 30 gr acido citrico
- 1 litro d'acqua

Innanzitutto assicuratevi di raccogliere i fiori da piante non esposte ad inquinamento ( vicino a strade ad alta percorrenza, o nei pressi di campi o frutteti sottoposti a trattamenti chimici ).

Per ottenere un ottimo sciroppo è poi importante sapere quando raccogliere i fiori: nè troppo presto la mattina, perché sono ancora chiusi, nè troppo tardi la sera, perchè risentono del sole della giornata.

In una ciotola capiente fate marinare nell'acqua i fiori ed i limoni tagliati a fettine per 24 ore.

Il giorno successivo sciogliete lo zucchero con poca acqua a fuoco lento fino ad ottenere uno sciroppo, e lasciate raffreddare.

Filtrate il liquido della marinatura eliminando i fiori ed il limone, e versatevi lo sciroppo di zucchero. Aggiungete infine l'acido citrico mescolando finché non sia completamente sciolto, e lasciate riposare per circa mezz'ora.

Filtrate lo sciroppo attraverso un colino a maglie fitte ricoperto da una garza ed imbottigliate.

Riponete le bottiglie in un luogo fresco, si manterranno per alcuni mesi. Una volta aperta, la bottiglia va conservata in frigorifero e consumata entro 2-3 settimane.

Lo sciroppo ha un profumo ed un sapore molto intensi, ecco perché il dosaggio è una questione di gusti personali. Potete aggiungerlo all'acqua, naturale o frizzante, ed otterrete una gustosa bevanda dissetante; oppure può essere abbinato ad un prosecco per ottenere un'ottima base da aperitivo. A voi la scelta! Buona cucina a tutti

giovedì 16 giugno 2016

Cuori di pasta sfoglia con nutella

La mia piccola Gioia è sempre stata molto vivace, ma da quando ha iniziato ad arrampicare su qualsiasi oggetto che possa essere in qualche modo "scalato", non posso perderla di vista nemmeno un istante. Sarà sicuramente una fase temporanea di esplorazione, e pian piano l'entusiasmo di poter arrivare in alto andrà ad esaurirsi, ma per il momento il tempo per cucinare, che già prima era poco, è davvero ridotto al lumicino...Ma vediamo il lato positivo, è l'occasione giusta per preparare delle ricette da inserire nella rubrica semplici e veloci, che ultimamente avevo un po' trascurato dedicandomi a preparazioni più complesse. E questa è davvero una ricetta semplicissima ma di grande effetto, perchè il binomio pasta sfoglia e nutella soddisfa sia grandi che piccini! Ho preparato questi golosi cuori per festeggiare l'anniversario di matrimonio, ma potete sbizzarrirvi con le più svariate forme: che siano bocconcini, fagottini, ravioli o mezze lune il gusto sarà in ogni caso strepitoso!

INGREDIENTI per 12 cuori h 6 cm:
- un rettangolo di pasta sfoglia
- nutella o crema gianduia q.b.
- 1 uovo
- zucchero a velo a piacere

Stendete il rettangolo di sfoglia fino ad ottenere uno spessore di 2-3 mm, e , con un coppapasta ritagliate i cuori. Sovrapponete a strati gli avanzi, stendete nuovamente e ricavate altre forme fino ad esaurimento della pasta. Attenzione: la pasta sfoglia, essendo composta da strati sovrapposti di burro e farina, non deve assolutamente essere reimpastata: l'unico modo per mantenere una buona sfogliatura è proprio quello di sovrapporre i ritagli, in modo da mantenere inalterata l'alternanza di strati.

Farcite il centro dei cuori con un cucchiaino di nutella ( per cuori di queste dimensioni è più che sufficiente, altrimenti rischia di fuoriuscire ) e bagnate i bordi della base con dell'uovo sbattuto, o poca acqua. A questo punto sovrapponete un altro cuore ed isolate il ripieno, in modo da far fuoriuscire l'aria e garantire uno sviluppo regolare del prodotto.

Chiudete bene i bordi aiutandovi con i rebbi di una forchetta, e posizionate i vostri cuori ben distanziati su una teglia ricoperta di carta forno. Pennellate la superficie con l'uovo sbattuto ed infornate nel ripiano centrale a 180° preriscaldato statico per circa 15 minuti, e comunque fino a doratura.

Potete servirli ancora tiepidi con un leggero spolvero di zucchero a velo, ma, se volete renderli ancora più golosi, lasciateli raffreddare su una gratella e ricopriteli con del cioccolato precedentemente sciolto a bagnomaria: con una forchetta e movimenti veloci andrete a creare delle eleganti striature. Una volta che il cioccolato sarà solidificato spolverate con zucchero a velo e servite! Buona cucina a tutti




Printfriendly

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...